I migliori libri di autori italiani contemporanei da portare in vacanza

Cosa fai quando hai bisogno di rilassarti? Alcune persone ascoltano musica. Altre persone fanno una passeggiata per trascorrere del tempo all’aria aperta. Altri ancora si sdraiano sul divano e svuotano la mente. Molte persone invece leggono. Trascorrere del tempo a leggere un buon libro è anche un ottimo passatempo quando si è in vacanza.

Libri di autori italiani contemporanei  da portare con te

Ma quali sono i migliori libri di autori italiani contemporanei da portare con te durante le tue vacanze in Italia? Eccone tre molto famosi:

Elena Ferrante – I romanzi napoletani

Cominciamo non con un solo libro, ma in realtà con quattro. I romanzi napoletani sono una serie di quattro titoli (L’amica geniale, La storia di un nuovo nome, Chi se ne va e Chi resta e La storia della bambina perduta) che raccontano la storia di due ragazze intelligenti, Elena (Lenù) e Raffaella (Lila), che crescono in un quartiere povero alle porte di Napoli.

Elena Ferrante, la cui identità è in realtà sconosciuta, è una scrittrice straordinaria ed è stata in grado di creare una saga che ti cattura fin dall’inizio, raccontando la storia di un’amicizia e raccontando allo stesso tempo cinquant’anni di storia italiana.

Nicolò Ammaniti – Non ho paura

Pubblicato per la prima volta nel 2001,  è probabilmente il libro più famoso di Ammaniti. Racconta la storia di Michele Amitrano, un bambino di nove anni che, in una calda giornata estiva nel sud Italia, si imbatte in un terribile segreto, che alla fine diventerà ancora più terribile man mano che la storia si svolge.

Il libro, che è stato trasformato in un grande film dal regista premio Oscar Gabriele Salvatores, è sia un mistero che una storia di formazione ed è sicuramente un libro sull’innocenza, l’infanzia e l’età adulta. Uno dei miei libri preferiti di tutti i tempi.

Stefano Benni – Saltatempo

Il libro è una strana storia che descrive la trasformazione dell’Italia e della sua società negli anni ’50 e ’60. La prosa di Stefano Benni è piuttosto strana e provoca reazioni contrastanti: in pratica o la ami o la odi. Tuttavia, è uno dei più importanti autori di satira italiana, vale sicuramente la pena leggerlo se vuoi saperne di più sulla nostra letteratura.